Prima Infanzia, Vita coi piccoli

Tutti Nati per leggere

Nati per leggereDa cosa nasce il progetto Nati per leggere?

I bambini, è risaputo, nascono senza libretto di istruzioni, e noi genitori ci troviamo a governare questa macchina delicata e difficile da guidare rischiando di fare mucchi e mucchi di errori. Una delle cose su cui tutti gli esperti concordano è che ai bambini fa bene leggere, ma anche in età prescolare, quando non sanno ancora farlo in autonomia, è importante che ai piccoli si legga ad alta voce.

Nati per leggere nasce nel 1999 e intende promuovere forme di collaborazione tra l’Associazione culturale pediatri, l’Associazione italiana biblioteche e il Centro per la salute del Bambino volte a favorire e incentivare la lettura ad alta voce ai bimbi in età prescolare, dai 6 mesi ai 6 anni.

Il programma si compone di alcune centinaia di progetti locali che coinvolgono sia le categorie di cui si è detto sia associazioni di vario tipo. I pediatri si impegnano a sensibilizzare i genitori sull’importanza della lettura, i bibliotecari ad avere a disposizione una selezione di libri adatti da prestare gratuitamente, i lettori volontari svolgono attività di raccordo e gli educatori collaborano favorendo lo sviluppo dell’interesse per la lettura.

Leggere ai bambini è un modo per stabilire una relazione con loro, un momento di confidenza e di condivisione e aumenta la probabilità che i piccoli si avvicinino ai libri in età scolare, li fa familiarizzare con la struttura linguistica e con parole sempre nuove, li avvicina ad un mondo di fantasia e di gioco. Ma soprattutto è molto divertente e gratificante sia per il genitore che per il piccolo.

Se volete conoscere il progetto Nati per leggere, visitate il loro sito e scoprite i loro programmi.

You Might Also Like

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*