Economia domestica

Oggi parliamo di pollo, quante ne sapete?

polloOggi parliamo della carne di pollo. Ricca di proteine e povera di grassi (ma di buona qualità), molto digeribile, quindi adatta all’alimentazione di tutte le fasce di età. Il suo basso apporto calorico lo rende adatto l’utilizzo anche durante le diete dimagranti. Ma i dubbi sul consumo del pollo sono tanti: sempre al centro di forti polemiche, prima gli ormoni poi gli antibiotici, e non ultima l’influenza aviaria…sarà l’alimento giusto per noi? La legge italiana prevede un controlli molto rigidi sugli allevamenti, sui mangimi e sui farmaci che vengono somministrati. L’alimentazione del pollo, che a differenza delle gallina ovaiola non viene allevato in batteria ma a terra, è unicamente di origine vegetale ed è composta da cereali, soia ed erbe aromatiche. I tipi di cereali di cui si nutre il pollo, oltre a fattori genetici, ne determinano il colore della pelle. Per quanto riguarda i farmaci, vengono somministrati in caso di malattie, ma i polli devono essere venduti solo quando il farmaco è stato smaltito e quindi non più presente nelle carni. Inoltre non dimentichiamo  che il pollo va consumato cotto e che la cottura elimina tutti i batteri. Oltre ad essere un prodotto di buona qualità, è molto apprezzato nella cucina italiana e i bambini molto spesso lo preferiscono alle carni rosse. Ma quale parte prediligere? Le alette sono la parte più  grassa anche se fritte nell’olio sono molto stuzzicanti (magari da preparare per la serata porcherie?). Il petto è la parte più magra ma meno ricca di ferro; le cosce sono da sempre le più ambite sulle nostre tavole e sono un po’ più grasse del petto. Conta anche la modalità di cottura: un fetta di petto fritta può diventare anche più grassa di una coscia. Se avete un po’ di tempo potete comprare il pollo intero (molto più economico del pollo frazionato) e dividerlo in parti, utilizzando la carcassa per fare un ottimo brodo. Unico problema: in questo caso avrete solo due cosce.

You Might Also Like

One comment

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*