Uscire, Vita da mamma

Neonati: in viaggio si o no?

neonato in viaggioEccoci vicini alle vacanze, la voglia di rimanere in città al caldo è poca e, anche se avete un bimbo piccolo, magari vi è venuta voglia di cambiare aria. Partiamo da qualche presupposto:

  • nel nord Europa i bambini piccoli li portano tutti in viaggio con estrema disinvoltura, quindi forse i nostri limiti sono mentali, non oggettivi
  • in qualche caso portarsi appresso un neonato può essere più comodo che fare la stessa cosa con un bimbo di 3 anni: dormono molto e stanno bravi bravi nel loro passeggino o marsupio…quasi sempre
  • i bambini sono mediamente più bravi fuori casa che chiusi in casa

Io ho un ricordo bellissimo di una vacanza itinerante in Normandia con due amici e il loro bimbo di soli 4 mesi: eravamo in macchina e cambiavamo albergo ogni due giorni. Il piccolo qualche volta piangeva e in qualche caso la visita ad un museo è saltata, ma tra canzoncine e soste per la pappa e il cambio ci siamo molto divertiti.

Come organizzarsi con un neonato in viaggio?

La premessa ovviamente è d’obbligo: se avete in programma vacanze particolari, ad alte quote o in paesi che richiedono particolari attenzioni sanitarie o igieniche consultate il vostro pediatra prima di partire con neonato al seguito.

In tutti gli altri casi se affittate un alloggio è sufficiente assicurarsi che siano presenti le dotazioni per la pappa, la nanna e l’igiene. Se non ci sono, dovrete portarle con voi o acquistare qualcosa in loco.

Negli alberghi viene in genere fornito un kit per la prima infanzia che comprende: lettino, fasciatoio, vaschetta per il bagno, in alcuni casi è possibile avere un passeggino. Per quanto riguarda la pappa munitevi di uno scaldabiberon da viaggio oppure appoggiatevi a strutture ove sia possibile cucinare o farsi preparare del cibo adeguato. In molti hotel, se si avvisa della presenza di neonati, vengono assegnate camere leggermente più isolate, in modo che gli eventuali pianti notturni disturbino il meno possibile gli altri ospiti.

Individuate ospedali o punti di primo soccorso pediatrico, non per fare le solite mamme italiane apprensive, però un’informazione in più non guasta mai. Tra le medicine da portare in viaggio, di cui abbiamo già parlato diffusamente inserirei senz’altro gli antipiretici, in più eventuali farmaci specifici.

Ricordatevi di portare con voi le cartelle sanitarie del vostro piccolo e ovviamente i suoi documenti di identità.

Buon viaggio!

You Might Also Like

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*