leggere, libri

Letteratura per l’infanzia: Louisa May Alcott

letteratura per l'infanziaForse il nome di questa autrice non vi dirà molto, ma alcuni dei suoi romanzi più riusciti sono senza dubbio considerati dei classici della  letteratura per l’infanzia, chi non ha mai sentito parlare di Piccole Donne e Piccoli uomini?

Le storie delle sorelle March prima e della scuola aperta dall’intraprendente Jo poi, sono state inseparabili compagne dei giorni della mia infanzia, ma chissà se vengono ancora acquistati e regalati questi libri?

Io li ho molto amati perché mi calavano in un mondo ordinato e netto, dove non solo è chiaro dove sia il bene e il male, ma anche dove è in primo piano il senso di responsabilità, la coesione familiare e l’onestà.

Piccole donne e Piccole donne crescono: La storia è quella delle 4 sorelle March e dei loro genitori, la protagonista indiscussa è Jo, che la nostra Louisa disegnò ispirandosi a sé stessa ed è un bellissimo personaggio femminile. Determinata e fantasiosa, generosa e indipendente è quella delle sorelle che tutte le bambine vorrebbero essere, o almeno quella che volevo essere io, ed è stato bellissimo, da bambina, leggere delle sue frustrazioni, delle gioie, della sua testardaggine, delle sue piccole debolezze e in qualche modo ritrovarmici.

Piccoli Uomini e I ragazzi di Jo: Le sorelle March sono cresciute e Jo, assieme al marito, apre una scuola. I libri ruotano intorno alla formazione umana dei piccoli alunni della scuola, alle loro cadute e risalite e a come le loro vite si intrecciano anche a quelle della famiglia March, che orbita comunque tutta attorno a Plumfield.

Se non avete ancora regalato uno di questi libri ai vostri bimbi, non troppo piccoli, diciamo a partire dai 10 anni, fatelo, le loro storie senza tempo diventeranno preziose.

 

You Might Also Like

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*